+39.3395928896
segreteria@aipoitalia.it

L’abbraccio virtuale

Associazione Italiana Professionisti Olistici

Abbiamo passato un periodo strano, diverso, quasi come se si stesse vivendo in una realtà parallela, eravamo noi ma non era la nostra vita, la nostra solita vita fatta di giorni belli e di giorni brutti…e tutto a preso una strada diversa, ci siamo accorti di cose alle quali prima non davamo molto penso, ci siamo scoperti capaci di fare altro che non fosse la nostra routine, abbiamo perso qualcosa ma abbiamo anche trovato altro o forse ritrovato.

Ho riscoperto il valore dell’abbraccio,  di quello fisico che ci è stato vietato e di quello virtuale che ho dovuto tirare fuori da me, coltivarlo come fosse un fiore, farlo sbocciare e donarlo a chi mi circonda. Ho scoperto che nei giorni difficili bisogna “abbracciare” le persone per portare loro un po’ di conforto in un momento buio che sembra non finire mai.

Io non sono un operatore sanitario, non sono un assistente sociale, non svolgo, insomma, una di quelle professioni nate per dare supporto fisico o morale ma ho comunque capito che quell’abbraccio avrei potuto darlo lo stesso nel modo che so fare e nel mio campo professionale.

Così ho preso parte a diversi progetti di consulenza volontaria per aiutare imprese e professionisti a districarsi nella corposa normativa che è stata prodotto nei mesi di lockdown (e ancora oggi). Ho cercato di essere più presente di sempre per i miei clienti, i nostri uffici non hanno mai chiuso anche se io o le mie collaboratrici lavoravamo da casa. Volevo che la mia presenza anche se virtuale fosse percepita e che il cliente potesse sentirsi, almeno da questo lato, protetto.

Non so se ci sono riuscita ma l’empatia è per me fondamentale per portare avanti il mio lavoro da tributarista, non riesco ad instaurare “solo” un rapporto professionale con i miei clienti, loro devono fidarsi di me ed io di loro, è un legame che si deve creare, un legame spirituale che vada oltre il rapporto professionale perché non siamo solo professionisti ma siamo soprattutto esseri umani.

Tributarista Simona Lenzi

Consulente fiscale AIPO